• FAMIGLIA, Neomamme, Tips

    Acquisti indispensabili per il bebè in arrivo – Parte 1

    Ti ho già parlato di quali sono le due cose (gratis!) da fare prima della nascita, che a mio avviso ti spianano la strada per poterti poi godere il post-parto senza ansie e stress. Ma invece quali sono gli acquisti davvero indispensabili da fare prima dell’arrivo del bebè? Cosa comprare prima della nascita?

    Io dell’ultimo trimestre di gravidanza non ho particolari ricordi se non un’enorme pancia, la curiosità fortissima di conoscere mio figlio, ma soprattutto la nebbia più totale rispetto a quello che sarebbe successo dopo.

    Per placare le ansie passavo il tempo su internet a cercare di capire se c’erano delle cose che dovevo assolutamente comprare per essere vagamente pronta quando fossi tornata a casa con il nuovo arrivato.

    Oggi so che al bebè non serve molto all’inizio, ma che la cosa di cui ha più bisogno è della sua mamma, di sentirsi contenuto e nutrito.

    Però è anche ovvio che un neonato non può uscire nudo a gennaio, o fare la pipì nel water a 15 giorni.

    Quindi partiamo dalle basi e cerchiamo insieme di capire quali sono gli acquisti davvero indispensabili in vista dell’arrivo di un bebè.

    Igiene

    Pannolini e salviettine

    Esistono delle alternative al pannolino tout court? Ebbene sì.

    Si chiama Elimination Communication (EC) ed è una pratica che prevede, tra le altre cose, di non utilizzare pannolini. Non mi addentro nel tema perché c’è chi lo ha già fatto meglio di me. Se sei curiosa puoi leggere questo chiarissimo articolo di UPPA a riguardo.

    Se non mettere il pannolino ti sembra una soluzione troppo radicale o che non si adatta al tuo stile di vita, hai altre due opzioni:

    • il classico pannolino usa e getta. Comprane solamente una confezione per ora. Salvo eccezioni, non ha senso comprare la taglia 0, parti direttamente con la taglia 1. Col tempo capirai quale marca preferisci a livello di rapporto qualità/prezzo: l’unico modo per farlo è testarli. Se vuoi dare una mano all’ambiente, ci sono questi; se cerchi la convenienza, questi sono spesso in offerta.
    • i pannolini lavabili (spoiler: devi essere molto motivata!). Il vantaggio dei pannolini lavabili è sicuramente la sostenibilità; il contro è che vanno lavati e quindi soprattutto per i primi tempi ne serviranno un po’ per non rimanere senza e non passare il tempo a fare lavatrici. E’ un piccolo investimento all’inizio, ma considera che hai davanti a te almeno due anni e mezzo/tre di utilizzo di pannolini in cui ammortizzare l’acquisto.
    pannolini lavabili acquisti indispensabili arrivo bebè

    Per pulire le parti intime, quando sei a casa puoi usare delle faldine di cotone bagnate di acqua (se decidi di organizzare la zona cambio in bagno), se no, vai di salviettine.

    Le salviettine confezionate sono davvero comode, soprattutto quando si è in giro. Inquinano? Si, anche se esistono quelle compostabili). Sono indispensabili? a mio avviso si.

    Io sono ancora alla ricerca di un’alternativa più sostenibile e pratica, anche se per ora non ne ho ancora trovate.

    NB. In caso di arrossamenti, una crema lenitiva il più possibile naturale può sempre tornare utile.

    Bagnetto & co.

    Prima cosa che puoi valutare: se hai un lavandino abbastanza grande e ti senti tranquilla (io devo confessare che ci sono riuscita solo con il secondo figlio), puoi decidere di fargli il bagnetto lì, senza bisogno di altro.

    Ad ogni modo, se compri una vaschetta di plastica tipo questa la sfrutterai da subito e a lungo (mio figlio di 5 anni ci sta ancora, nonostante sia piuttosto alto).

    Discorso shampoo e saponi: a questa età non si sporcano così tanto e non ci sarebbe quasi bisogno di sapone, ma se vuoi aggiungere una goccia di bagnoschiuma, non c’è niente di male.

    Nonostante io preferisca sempre le saponette, con i neonati avere il sapone liquido in dispenser è troppo comodo!

    Body e vestitini

    Sì, tra gli acquisti indispensabili per prepararti all’arrivo del bebè, ci sono i vestiti.

    Ti serviranno dei body:

    • a manica corta o lunga per i mesi più freddi e senza maniche per l’estate.

    E sì, ti serviranno dei vestitini.

    • Tutine: comode perché veloci da infilare ma assicurati che abbiamo i bottoni automatici all’altezza del pannolino per un cambio veloce e pratico. Per l’inverno scegli quelle in ciniglia, e in cotone per la i mesi più caldi.
    • Puoi sempre optare per pantaloni e maglie, in alternativa.

    Non c’è un numero ideale di body e tutine da avere per i primi mesi, ma ti potrà aiutare sapere che i bimbi in questa fase crescono molto velocemente, per cui non esagerare: 3/5 body e altrettante tutine (o 3 completini da mixare) dovrebbero essere sufficienti e nel caso sei sempre in tempo a comprarne di nuove.

    Consiglio: acquista sempre abiti di qualche taglia più grandi, in modo da poterli utilizzare per qualche mese.

    Extra, se nasce in inverno: cappellino e copertina per le passeggiate.

    body e vestitini acquisti indispensabili arrivo bebè
    Photo by Jordan Nix on Unsplash

    Spostamenti a piedi: passeggino, trio, fascia

    Argomento caldissimo tra gli acquisti indispensabili in vista dell’arrivo del bebè. Partiamo da lei.

    La fascia

    La fascia ha degli indiscutibili vantaggi:

    • ai bambini generalmente piace starsene abbarbicati addosso alla mamma e spesso ci si addormentano (yuhuuuu);
    • se la usi da subito, ci si abituano di buon grado e magari puoi evitare di comprare carrozzina, ovetto e trio (ma dipende sempre anche dalla vita che fai), scarrozzandoti il bebè in giro così.
    • la fascia ti lascia libere le mani così puoi rispondere a quella mail o prepararti il pranzo;
    • si adatta al corpo del bimbo e si può usare anche fino ai 3/4 anni

    Il principale difetto della fascia, a mio avviso, è che incute ancora un po’ di timore e molte mamme optano per il più classico trio perché non sanno se la fascia sia compatibile con il loro stile di vita. Se sei curiosa, il mio consiglio è di regalarti o farti regalare una consulenza con un’esperta di baby-wearing che saprà aiutarti nella scelta della fascia più adatta e ti insegnerà come indossarla.

    N.B. Puoi valutare anche l’uso di un marsupio ma quando lo acquisti assicurati che sia adatto all’età e al peso del tuo bimbo, perché non tutti i marsupi sono indicati all’inizio.

    Il passeggino

    Se per spostarti in macchina opterai per comprare il trio (vedi sotto), avrai già un passeggino che potrai iniziare a usare da quando il piccolo inizia a stare seduto (verso i 6 mesi più o meno). Il problema del passeggino del trio è che è pesantissimo, di solito pesa tra i 9 e i 12 kg: non il massimo se devi sollevarlo e portarlo su e giù per le scale (penso alle case con scale all’ingresso o alla metropolitana).

    Per nostra immensa fortuna, esistono anche dei passeggini leggerissimi (sui 3/4 kg) che ci vengono in aiuto in queste situazioni. Naturalmente non aspettarti che siano stabili e solidi come quelli del trio, ma sono comunque validissimi, a mio avviso.

    Questo tipo di passeggino vale la pena acquistarlo quando sono più grandicelli (dall’anno in poi) soprattutto se hai necessità di spostarti velocemente con il piccolo a piedi, ma tieni in conto che ci potrebbero essere momenti in cui non ci vorrà stare comunque, e vorrà stare solo in braccio. Ok?

    Spostamenti in macchina: seggiolino auto 0-36 kg o navicella/ovetto?

    Disclaimer importante: tutte le informazioni che trovi qui sotto hanno il solo scopo di cercare di darti un’idea delle infinite possibilità che il mercato dei dispositivi per l’auto rivolti all’infanzia possono offrire. Ti invito pertanto ad approfondire i requisiti legati alle caratteristiche e alla sicurezza di ciascuna tipologia di prodotto.

    I pediatri sconsigliano l’uso dell’ovetto almeno fino ai 5 mesi.

    La navicella è più adatta per i primi mesi ma, se usata in macchina, è meno sicura dell’ovetto.

    Ma allora dove me lo devo mettere questo figliolo quando devo andare in giro?” mi chiederai.

    La via d’uscita da questo cul de sac la devi trovare tu, a seconda del tuo stile di vita e di quello che ti suggerisce il tuo istinto materno.

    • Sai che userai spesso la macchina per i tuoi spostamenti col bimbo ma che non saranno mai spostamenti lunghi? Allora, puoi pensare di comprare direttamente un seggiolino 0-36 kg (esistono anche girevoli e completamente reclinabili) che vada bene fin dalla nascita. Se opti per questa soluzione e sei una mamma “da fascia” puoi anche pensare di non comprare affatto un trio o un passeggino (almeno in questa prima fase), portando in giro il tuo piccolo in fascia quando vai a piedi e nel seggiolino con il riduttore quando usi la macchina.
    • Pensi che sarete spesso in macchina e per viaggi medio-lunghi? Puoi decidere di comprare un trio per poter usare la navicella (che deve essere omologata) della carrozzina prima, e l’ovetto una volta compiuti i 5 mesi. Inoltre la navicella si può usare anche in casa, poggiata sulla sua base con le ruote, come se fosse una sorta di culla ambulante (se tuo figlio ci sta volentieri te la puoi portare in giro per casa, mentre fai la doccia o cucini, tenendo sempre il bebè sotto controllo).

    Lo so, è tanta roba da capire e digerire, per questo per renderti la vita un po’ più semplice ho creato un’infografica che ti guida nella scelta della soluzione più adatta a te. La puoi scaricare qui.

    Dormire

    C’è un altro grande argomenti su cui ragionare per capire cosa è davvero necessario acquistare, e cioè il dormire.

    Te ne parlo qui.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    One comment
    Acquisti indispensabili per il bebè in arrivo – Parte 1