• Senza categoria

    Alleggerisci, semplifica

    Quando è nato il mio primo figlio, la mia giornata iniziava davvero solo quando lui e mio marito uscivano di casa. Baci, buona giornata e mi chiudevo la porta alle spalle. Mi preparavo, sistemavo la casa e solo dopo iniziavo a lavorare ai miei progetti.

    A un certo punto mi sono accorta che riordinare la casa diventava un compito infinito e il tempo che rimaneva per me diminuiva sempre di più. Iniziavo a sparecchiare la tavola della colazione, e trovavo un gioco di mio figlio sul tavolo. Lo riportavo in camera sua, ma lì trovavo il pigiama appallottolato, il letto da rifare e i vestiti sporchi. Allora prendevo i vestiti sporchi e li portavo nella cassetta dei panni da lavare, e in bagno trovavo la tazza vuota del tè di mio marito. La riportavo in cucina e mi mettevo a pensare a cosa cucinare per pranzo e cena mentre facevo la lista della spesa. Sembrava che la lista di cose da fare non finisse mai… Suona familiare?

    I francesi lo hanno chiamato “charge mentale (carico mentale) il “peso di tutte quelle acrobazie cerebrali, invisibili, costanti e sfiancanti che portano, per il benessere di tutti e il funzionamento efficace della casa, generalmente le donne e ancor più le donne che sono anche madri” (cito l’interessantissimo articolo di Giulia Siviero apparso su IlPost.it). 

    Sempre dall’articolo: “charge mentale non corrisponde al fare tutto, cioè all’esecuzione pratica, ma al pensare a tutto. Consiste nell’avere costantemente, in un angolo della propria testa, la preoccupazione e il pensiero delle mansioni domestiche ed educative, anche nel momento in cui non le si sta concretamente eseguendo. È insomma una specie di vigilanza costante e pervasiva, è un lavoro di gestione, di pianificazione e di anticipazione che spesso ci si trova a fare completamente da sole”.

    Ebbene si, quando ho letto questo articolo mi ha fatto sentire meno sola. Perché per quanto una persona possa saper pianificare e essere organizzata, a volte le cose succedono e ti sopraffanno un po’ e magari perdi un po’ la direzione.

    E i figli rientrano tra quegli eventi che succedono e ti sconvolgono leggermente la vita. 😂

    Questo articolo mi ha fatto capire che tante donne vivono in questa situazione, piuttosto comune.

    Questo articolo mi ha fatto capire che a volte abbiamo bisogno di aiuto.

    Alleggerire e semplificare is the answer.

  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *